Cosa vuol dire accollo del mutuo e quando conviene richiederlo

Mutui Lecce > mutuo > Cosa vuol dire accollo del mutuo e quando conviene richiederlo
accollo mutuo Lecce e provincia

Se sei in procinto di acquistare un immobile appena costruito o in fase di costruzione, probabilmente avrai sentito parlare sella possibilità dell’accollo del mutuo. Si tratta, infatti, di una tipologia particolare di mutuo prima casa che si applica in particolari situazioni. Una casa di nuova costruzione, due coniugi che si separano, o la vendita di un immobile soggetta ad un mutuo che non si vuole più pagare. In questi casi sopraggiunge l’accollo del mutuo.

Cos’è l’accollo del mutuo

Quando si parla di accollo del mutuo ci si riferisce al momento in cui un nuovo soggetto subentra al mutuatario per pagare ed estinguere il finanziamento. Si tratta di un contratto regolato e citato all’interno del Codice Civile, che fa riferimento all’articolo 1273. In particolare, il mutuatario che subentra (accollante) si fa carico delle rate del mutuo del precedente debitore (accollato) per l’acquisto dell’immobile in oggetto in modo da estinguere il debito con la banca (accollatario).

Solitamente, l’accollo si formalizza al momento del rogito e sancisce il fatto che il nuovo acquirente si prenda l’obbligo di versare le rate mancanti. Inoltre, tutte le clausole e gli impegni previsti nel contratto stipulato dal precedente mutuatario rimangono in vigore e devono essere adempiuti.

Due diverse tipologie di accollo

Bisogna prestare attenzione quando si parla di accollo del mutuo. È bene sapere, infatti, che vi sono due tipologie diverse. La prima è rappresentata dall’accollo cumulativo: consiste nel fatto che il mutuatario originario sia comunque vincolato all’assoggettamento del pagamento del mutuo verso la banca. Infatti, nel caso in cui il nuovo debitore non riuscisse a pagare oppure non possegga le opportune garanzie, allora subentrerebbe l’accollato.

Il secondo caso è quello dell’accollo liberatorio. Esso prevede lo svincolo totale da qualsiasi obbligo da parte del mutuatario originario. Per questa tipologia di accollo, la banca firma una liberatoria in cui dichiara di trasferire completamente il debito all’accollante, riconoscendolo come unico debitore. Così facendo, l’accollato non avrà nessun tipo di ripercussione se l’accollante dovesse risultare inadempiente.

accollo del mutuo accordo

Quando conviene richiedere l’accollo del mutuo?

L’accollo del mutuo ha numerosi vantaggi in base a determinate situazioni. Potresti chiederti perchè convenga accollarsi il mutuo di un’altra persona ma, in alcuni casi, è conveniente. Ad esempio, si risparmiano tutte le spese iniziali che si devono sostenere all’inizio di un nuovo mutuo. Nello specifico, i casi in cui si ricorre all’accollo del mutuo, sono per esempio:

  • quando il costruttore ha intrapreso un contratto di mutuo per i lavori dell’immobile può scegliere di trasferire le rimanenti rate del mutuo al futuro acquirente;
  • nel caso specifico di una successione ereditaria e della presenza di un mutuo, chiunque siano gli eredi, questi ultimi hanno l’obbligo di accollarsi il finanziamento, pena il pignoramento dell’immobile;
  • separazione tra coniugi con contratto di mutuo cointestato. In questo caso, o il marito o la moglie decidono di accollarsi il mutuo, da cui ne deriva un singolo proprietario dell’immobile;
  • vendita di un immobile su cui esiste precedentemente un mutuo non ancora estinto.

In ogni caso, per l’accollo del mutuo bisogna prestare attenzione ad alcuni aspetti fondamentali, sia che l’accollato sia un privato o una ditta costruttrice. Essere consci dell’evoluzione del mutuo e del tipo di contratto stipulato dall’accollato è un passo fondamentale. Al fine di non trascurare nessun dettaglio è bene rivolgersi ad esperti del settore in tema di mutui come i mediatori creditizi. Noi di Mutui Lecce vi aiuteremo a capire quale tipologia di mutuo è più adatta alle vostre esigenze e se è realmente conveniente l’accollo del mutuo preesistente.